Storici

Le assaggiatrici

L’articolo è in collaborazione con..

Doctorpsiche!

Seguila su Instagram!

 

 

Le assaggiatrici

Prezzo: EUR 14,45
Da: EUR 17,00

Titolo: Le assaggiatrici

Autore: Rossella Postorino

Editore: Feltrinelli

Pagine: 285

 

Scopri il libro su Amazon

 

Trama

 

«Quando si mangia si combatte con la morte, diceva mia madre, ma solo a Krausendorf mi era sembrato vero». Le assaggiatrici

 

Autunno 1943. Rosa Sauer è appena arrivata da Berlino per sfuggire ai bombardamenti, è ospite dei suoceri in un villaggio di Gross-Partsch vicino al quartier generale di Hitler, mentre suo marito Gregor combatte sul fronte russo.

Rosa ha appena ventisei anni e un giorno, due SS bussano alla porta dandole appuntamento alle otto del giorno dopo: «il Führer ha bisogno di lei».

Comincia così la storia di Rosa, insieme ad altre donne saranno le «assaggiatrici di Hitler» e mangeranno il suo cibo per accertarsi che non sia avvelenato. In quella mensa si fonderanno vite diverse, tra alleanze e scontri: Rosa è la straniera che veste alla moda, con lei la ragazza con la couperose, una donna con le spalle larghe e la lingua lunga, un’altra farà un aborto e un’altra ancora si crede veggente, poi c’è la fanatica delle attrici che ritaglia giornali; in totale ce ne sono nove, tra le quali si nasconde un’ebrea sotto falso nome.

 

«Del resto, l’amore accade proprio fra sconosciuti, fra estranei impazienti di forzare il confine. Accade fra persone che si fanno paura. Non è ai segreti, ma alla caduta del Terzo Reich, che l’amore non è sopravvissuto».Le assaggiatrici

 

Nella primavera successiva arriva il tenente Ziegler, diffondendo terrore su tutte; Egli sarà presente a una festa dove Rosa è stata invitata. Tra i due scoppierà una forte passione che si consumerà di notte, nel fienile dei genitori di Gregor.

Una storia nata per il desiderio ardente di sentire le mani di un uomo sul corpo, i sensi di colpa per la voglia di sesso e la rabbia di un amore che non potrà essere.

 

Commento

Sono cresciuta a pane e storie di guerra, mia mamma l’ha vissuta in prima persona e i suoi racconti mi tenevano ferma per ore: il secondo conflitto mondiale, combattuto fra il 1939 e il 1945 era la favola della sera.

Ho trovato questo libro su Instagram, tra le tante foto che arrivano dal mondo, il viso in copertina ha catturato la mia attenzione e sono andata a cercare un articolo che ne parlasse:

 

«Rossella Pastorino attraverso un trafiletto su un quotidiano ha scoperto l’esistenza di Margot Wölk, l’ultima assaggiatrice di Hitler ancora in vita. Purtroppo non ha fatto in tempo a incontrarla, Margot è morta poco prima. A quel punto, l’autrice decide di partire da una storia vera, e ne scrive un romanzo meraviglioso». Le assaggiatrici

 

Ammetto la mia fortuna, perché anche questo libro mi è stato regalato!

Le prime pagine non hanno preso subito la mia attenzione, non amo molto il modo di scrivere con pensieri brevi chiusi da punti. Sentivo, però, crescere lentamente i legami tra i personaggi. Non sono una romantica e per tale motivo ho trovato la relazione tra Rosa e il tenente molto bella: non ci sono frasi sdolcinate o carezze smielate. La loro è una relazione di forza, uno scambio continuo tra il dominato e il dominante: una lotta.

Le altre assaggiatrici restano nell’ombra, sebbene abbiano tanto da dire; non in ultimo l’ebrea che scopriremo solo alla fine. Mi sono chiesta che fine avesse fatto Gregor, e cosa provasse per Rosa Ziegler, ho sentito il fastidio dell’essere emarginata solo per gli abiti perfetti indossati con l’eleganza della donna di città, l’istinto materno che non si realizza e la solitudine di tutte le donne che pur di sentire l’abbraccio di un uomo, si mettono in situazioni pericolose, fino allo stupro.

Gli uomini non sono tutti uguali, la razza è l’anima vista dall’esterno Le assaggiatrici

 

Un libro che ci porta al finale rispondendo a tutte le domande trascinate dalla prima pagina: mi ha commossa, angosciata, tolta il fiato per la claustrofobia della prigionia, oppressa per quelle assurde regole, intenerita per il cuoco che regala cibo, affascinata dal potere friabile del tenente, abbattuta per la sconfitta sentimentale di Rosa.

 

Voto libro:   

 

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *