Fantasy

Dream hunters: Il ponte illusorio – Myriam Benothman

L’articolo è in collaborazione con..

Articolo scritto da

Il club della lettura!

Seguila su Instagram!

Segui il suo blog!

 

Dream hunters: Il ponte illusorio

Titolo: Dream hunters: Il ponte illusorio

Autore: Myriam Benotham

Editore: Astro Edizioni

Pagine: 224

Scopri il libro su Amazon

 

 

< Dicevi che ci sono tanti modi di raccontare una storia >. Mia madre torna a guardarmi e la sua immagine si fa sfocata. < Non dimenticarlo mai, amore mio>.Dream hunters: Il ponte illusorio

Trama

Chissà cosa si prova ad incontrare i personaggi delle fiabi, ad innamorarsi dei principi.. Sophie lo sa.

Tutto ha inizio nelle vie di Parigi dove Sophie si imbatte in un libro di favole, di cui ne rimane vittima di allucinazione. Viene subito catapultata in una dimensione parallela dove hanno inizio sogni surreali tra personaggi fantastici. Sophie inizia a rendersi conto di riuscire a manipolare le fiabe, cambiando così però anche il mondo reale.

Al ballo di Cenerentola conoscerà l’affascinante principe Alexander, tra i due scoppia un fortissimo sentimento che aumenta sempre più tra avventure fatate. Una presenza maligna però inizia ad insinuarsi nella mente di Sophie per rubarle il potere e dominare l’umanità…

 

Commento

Se vi avvicinate a questo libro aspettandovi il solito fantasy tutto effetti speciali e zero trama, dovrete ricredervi. Il regno di Anwyn, in cui viene catapultata Sophie mentre sogna, è popolato di personaggi delle fiabe che non sono per nulla tipi fissi e stereotipati.

Principi e principesse vivono la loro storia, ma non si lasciano trasportare dalla trama che li contiene e vi si ribellano cambiandola, se sentono che non si sta svolgendo come vorrebbero. Si scopre così che il mondo delle fiabe non è come ce lo aspettavamo e, insieme alla nostra protagonista, intraprendente e coraggiosa, impariamo a scoprire ogni suo lato.

 

«Come vi chiamate?». Le sue labbra si mossero per rispondere, ma dalla bocca non uscì alcun suono. Fu allora che Sophie capì. Lunghi capelli rossi, occhi verdi, sola e seminuda sulla spiaggia. Si trovava al cospetto della Sirenetta di Andersen. Dream hunters: Il ponte illusorio

 

La Benothman sa intrecciare magistralmente la vita reale, in quel di una plausibilissima Parigi, e la vita del mondo delle fiabe. Ogni capitolo è ben costruito e lascia sempre al lettore grande attesa per le pagine successive che lo attendono.

I sentimenti sono esposti dettagliatamente, ma le descrizioni non annoiano mai, anzi: creano un legame emotivo fortissimo che fa affezionare ai personaggi. Nel giro di poche righe si è catapultati nelle vicende di questa sedicenne che lotta per capire cosa le sta succedendo ed è impossibile smettere di leggere, tanta è la voglia di sapere quale sarà la sua prossima mossa. Le sue azioni, infatti, sono sempre molto razionali e ci si ritrova a pensare che, al suo posto, si sarebbe agito allo stesso modo.

Anche quando ride, piange o si innamora, Sophie sembra essere proprio come noi, con le stesse paure e le stesse fragilità adolescenziali che tutti proviamo e che l’autrice trasporta sulle pagine con grande maestria, senza banalità. L’amore è importante, ma non aspettatevi un romanzetto rosa… l’azione c’è, ed è adrenalinica, coinvolgente!

 

Gli stessi occhi che l’avevano fronteggiata quella notte di tre anni prima, animati da un odio feroce. Gli occhi che, per lungo tempo, avevano tormentato ogni suo istante di veglia. Gli occhi azzurri di un principe innamorato della sua mortale nemica.Dream hunters: Il ponte illusorio

 

I colpi di scena sono sempre dietro l’angolo, o meglio… dietro la pagina! Sophie non si tira mai indietro per proteggere chi ama e, anche quando scopre verità destabilizzanti, non si lascia trasportare troppo dalla tristezza, ma si rimbocca le maniche per ottenere un cambiamento. Insomma, è un modello molto positivo per le giovani lettrici.

Il linguaggio è semplice, ma non facile, e questo mi è piaciuto molto: ci sono parecchie parole ricercate e perifrasi interessanti. Leggendo è immediato rendersi conto che non si ha a che fare con una scrivente qualunque, ma con una vera e propria scrittrice (cosa assai rara, di questi tempi!).

In uno stato di scrittori come il nostro, in cui tuttavia il fantasy non è mai riuscito a decollare veramente, questa scrittrice dimostra che non siamo da meno e abbiamo molto da offrire anche noi in questo genere letterario così pieno di opportunità.

Affrontare queste tematiche e cadere nel già sentito era un pericolo molto plausibile, soprattutto alla luce delle decine di rivisitazioni di cui godono oggigiorno (ultima, ma non per importanza, la bellissima serie televisiva C’era una volta), ma l’autrice ha saputo trovare idee nuove, fresche, che lasciano col fiato sospeso.

 

Nessuno sarebbe vissuto felice e contento. Mai più.Dream hunters: Il ponte illusorio

 

Sono certa che gli annunciati sequels non mi deluderanno e li aspetto con trepidante attesa. Insomma, libro consigliatissimo!

 

Voto libro:   

 

Leggi anche il nostro articolo sui Migliori libri fantasy!

Condividi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *